lenotizie / Scuola

Notizie dalla FLC
ott 11

Alternanza scuola lavoro: Cgil e Flc Sicilia sostengono la protesta studentesca del 13 ottobre

FLC e CGIL Sicilia hanno espresso il loro sostegno alla giornata di protesta promossa  per il 13 ottobre in tutto il paese ed orgnanizzata in Sicilia dalla Rete degli Studenti Medi contro l'alternanza scuola lavoro prevista dalla legge 107.

 

Palermo, 11 ott- Cgil e Flc Sicilia sono solidali con gli studenti medi e sostengono la protesta contro l’Alternanza scuola- lavoro così come regolamentata dalla legge 107/2015, che venerdì porterà in piazza gli studenti della scuola secondaria di secondo grado di tutto il Paese. “Riteniamo che questo strumento, così come concepito- scrivono in una nota Michele Pagliaro, segretario generale Cgil Sicilia e Graziamaria Pistorino, segretaria generale della Flc Sicilia- soprattutto nel Mezzogiorno scada in molti casi in forme di sfruttamento degli studenti, senza arricchire minimamente il loro bagaglio di esperienze e competenze”. Cgil e Flc Sicilia rilevano che “un tessuto produttivo fragile come quello siciliano è difficile che riesca a garantire una buona alternanza che deve comunque avvenire, per avere valenza educativa, in continuità col percorso didattico svolto dagli studenti nella scuola e in piena sicurezza.  Ebbene, come le rilevazioni confermano, questo oggi non accade, il modello va dunque rivisto”. Cgil ed Flc rilevano la “necessità di evitare abusi, forme di sfruttamento del lavoro e situazioni di rischio per la salute degli studenti” e ricordano che “categoria e confederazione hanno già chiesto l’abrogazione di questo pezzo della legge, che così come concepito non può avere ricadute positive”.
2017dac
 
Di seguito tutte le iniziative promosse dalla Rete degli Studenti Medi sul territorio siciliano:
 
Palermo
https://www.facebook.com/events/1637755302943609/?acontext=%7B%22action_history%22%3A%22null%22%7D
 
 
Trapani
 
 
Caltanissetta
 
Siracusa
 
 
Modica
 
 
Barcellona (Messina)

Scuola | 11/10/2017

comments powered by Disqus