lenotizie / Scuola

Notizie dalla FLC
mag 12

SICILIA: L’ORGANICO DI FATTO SU SOSTEGNO È “FIGLIO DI UN DIO MINORE”

Comunicato unitario di FLC CGIL – CISL SCUOLA – UIL SCUOLA – SNALS/CONFSAL

DELLA SICILIA

12/05/2017

Cominciano a delinearsi, dopo un balletto di cifre, le prime ipotesi per le assunzioni in ruolo per il 2017/2018. Per i docenti, dopo l’accordo tra MIUR e MEF, le assunzioni previste saranno circa 52.000. Di queste, 21.000 derivano dai pensionamenti, 16.000 sono relative a posti non coperti lo scorso anno (già finanziati dalla legge 107/15) e 15.000 dalla trasformazione di posti da organico di fatto a organico di diritto (finanziati da 400 milioni previsti dalla legge di bilancio 2017).

Cosa accadrà degli oltre 4.600 posti di sostegno in deroga che in quest’anno scolastico garantiscono il diritto allo studio degli studenti siciliani? I segretari di FLC CGIL – CISL SCUOLA – UIL SCUOLA – SNALS/CONFSAL esprimono forte preoccupazione: la denominazione di questi posti cambia, sono i cosiddetti “posti in deroga”, pertanto non verranno considerati tra i 15.100 posti che da organico “di fatto” diventeranno organico stabile. I ragazzi e le ragazze in situazione di handicap, che per lo più hanno dovuto esigere il diritto all’integrazione scolastica attraverso sentenze del TAR, non potranno contare sulla continuità educativa che può dare un insegnate a tempo indeterminato.

Su 52.000 assunzioni, si presume che circa 3.000 in tutta Italia andranno al sostegno. Quindi, forse qualche centinaio in Sicilia?

Il paradosso all’italiana è che delle immissioni in ruolo, riservate alle classi di concorso comuni, molte, soprattutto al nord, non potranno essere fatte perché prive di aspiranti, sia dai concorsi falcidiati, sia dalle graduatorie esaurite. È indispensabile rimodulare i contingenti in funzione delle condizioni reali e non in base ad astratti algoritmi. La distribuzione delle cifre, sia quelle dei pensionamenti, sia quelle dei posti non coperti dalla L. 107/’15, sia quelle della trasformazione dell’organico di fatto in diritto, deve tenere conto dei fabbisogni reali, delle condizioni di dispersione scolastica, del disagio sociale, della presenza di condizioni di disabilità, in un territorio in cui Regione, Liberi Consorzi e Comuni continuano a tagliare fondi e diritti, come le mense scolastiche e i servizi per l’handicap.

Totalmente dimenticato il personale ATA, che in Sicilia sta scontando la copertura dei servizi in condizioni molto gravi a causa dei tagli negli anni scorsi.

FLC CGIL – CISL SCUOLA – UIL SCUOLA – SNALS/CONFSAL della Sicilia

chiedono alla Ministra Fedeli che l’organico in deroga di sostegno venga, almeno in parte, trasformato in organico di diritto, che la distribuzione di ulteriori posti, anche in considerazione dell’organico di potenziamento già richiesto dalle scuole, avvenga sulla base delle difficoltà e dei disagi registrati sui territori, che questa boccata d’ossigeno per le impoverite fila del contingente scolastico arrivi lì dove maggiore è il bisogno e più evidenti sono le difficoltà.

Durante l’incontro del 17 maggio prossimo, richiesto alla Dirigente generale dell’USR Sicilia Dott. Maria Luisa Altomonte per l’informativa sugli organici, chiederemo di conoscere l’effettiva consistenza dei contingenti e la loro ripartizione per tipologia e per regione se questi dati saranno disponibili dopo l’incontro di lunedì tra Miur e Organizzazioni sindacali nazionali. In tutti i casi chiederemo all’USR che si faccia portavoce delle esigenze della scuola siciliana, di studenti, insegnanti e personale ATA.

Scuola | 12/05/2017

comments powered by Disqus